banner banner1 banner2
Menu Principale
Per i Cicloturisti
Per i Produttori
Registrati
I Comuni
Borgo-san-martino.jpg

Castelletto Scazzoso STORIA, ARTE E TRADIZIONI
Fino al 1937 Castelletto Scazzoso (Castrum Scatiosurum), primitivo castello feudale, nucleo dell’attuale paese, infeudato alla famiglia Scazzoso/Foresto all’inizio del 1300 dalla aleramica di Paleologo, marchesi del Monferrato.
Castelletto, primo baluardo delle milizie marchionali del Monferrato, sulla linea delle colline che dominano la pianura alessandrina (ne fa fede l’immagine centrale dello stemma comunale), è diventato nel tempo, tra i primi paesi del Novecento, esempio significativo di promozione residenziale della sua posizione collinare paesisticamente molto attraente. Ne è dimostrazione la nascita e lo sviluppo del Villaggio Valleverde, verde oasi residenziale “agganciata” al Concentrico storico.

COSA VEDERE
Oltre al castello Scazzoso/Foresto, ora di proprietà dei conti Avogadro di Vigliano, sono da vedere la chiesa parrocchiale di San Siro, edificata in stile tardo barocco nel 1714, la chiesetta Madonna della Pace, detta anche di San Rocco, risalente all’inizio del 1600, in tardo stile barocco, e la chiesa di San Francesco d’Assisi, in frazione Giardinetto, eretta nel 1817 e ampliata nel 1891.

COSA GUSTARE
Un tempo si produceva un vino denso e scuro, molo ricercato per la miscelazione con i vini leggeri lombardi ma i tradizionali vigneti sono spariti. Due eccezionali prodotti tipici locali sono:
• Gli agnolotti allo stufato di manzo, meticolosamente preparati secondo le ricette tramandate dalle nostre nonne;
• La carne di manzo, di produzione locale, venduta al pubblico su prenotazione direttamente dall’allevatore.

TURISMO ATTIVO
A Carnevale la piazza del paese si anima di turisti per la tradizionale Businà di Carnevale, composizione satirica dialettale che viene “cantata” sulla piazza da tre personaggi (figlio, figlia e padre), per compiere una arguta rassegna dei fatti e dei misfatti accaduti nell’anno in paese e in campo nazionale. Questa tradizione risale al 1600 ed è di origine lombarda. Rappresenta la reazione satirica di “chi sta in basso” nei confronti delle malefatte, dei brogli, della corruzione compiuta da “chi sta in alto”: amministratori locali, uomini di chiesa o di governo, notabili.

INFORMAZIONI E CONTATTI
Comune di Castelletto Monferrato
Piazza Astori, 1
15040 Castelletto Monferrato
tel. +39 0131 23 31 65
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Domande frequenti

Cosa portare con sé

Oltre a un abbigliamento adeguato (casco, guanti, occhiali, tuta da ciclista ecc.), sono molti gli oggetti utili da portarsi nello zaino durante un'escursione in bicicletta. Qui di seguito trovate un elenco: scegliete voi quelli indispensabili...

Orari di apertura dei punti timbri

Sulla tessera stampata dal sito sono riportati i vari orari dei punti tappa e timbri per poter

I percorsi sono facili?

Ci sono percorsi abbastanza facili e percorsi piu' impegnativi

E' un progetto
Emasmonferrato e Aregai
Emas Monferrato
Aregai
Facebook