banner web BEZZO 2018 1

 

Al via la seconda edizione per premiare il menù più consapevole

 

AREGAI Terre di benessere, in collaborazione con la fondazione PLEF  e l'associazione AIQUAV, propone per il 2018 la seconda edizione del Premio Bezzo. Si tratta di un ambizioso riconoscimento creato in memoria del Cavaliere Giuseppe Bezzo che, durante la sua vita, seppe riconoscere il valore della collaborazione tra i diversi attori locali, per sviluppare l’economia e la società del territorio, partendo dalla ristorazione.

Intendiamo valorizzare il ruolo della ristorazione commerciale all'interno delle dieci città finaliste di Capitale Cultura Italiana 2020, nell' "Anno del cibo italiano nel mondo", il 2018, proclamato dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e dal Ministero dei Beni Culturali e del Turismo.

Lavoreremo insieme per alimentare la cultura del benessere equo e sostenibile, uniti ai ristoratori che decideranno di partecipare al premio, per creare una coscienza collettiva e un cambiamento culturale. Diventando tutti più consapevoli  delle nostre scelte quotidiane, a partire da quello che mangiamo, contribuiremo a influenzare positivamente l’economia, l’ambiente e la società circostante.

 

Locandina bezzo

 

Il premio e il percorso

 

I premi

I PREMI

premi bezzo platinum

PREMIO PER IL TERRITORIO

Il territorio del ristoratore vincitore si aggiudicherà una ricerca del valore di 10.000 euro, coordinata da AIQQUAV, per misurare il benessere soggettivo percepito dalla cittadinanza in relazione all’alimentazione locale con l’indicatore BES inserito nella legge di bilancio, utile per qualsiasi misurazione, programmazione e comunicazione delle politiche a favore dello sviluppo del benessere del territorio. Il ricercatore, selezionato da AIQUAV, condurrà le indagini sul territorio, realizzando interviste, elaborando i dati rilevati e realizzando una pubblicazione per la diffusione dei risultati.
La ricerca è finanziata dal gruppo CRAI – CRAI CODE’Il gruppo CRAI ha già finanziato la ricerca per il premio Bezzo 2017 vinto dal Comune di Casale Monferrato. Il ricercatore, Demetrio Bova, selezionato da AIQUAV, sta realizzando un cruscotto di indicatori basato sul BES volti a misurare il Benessere all'interno della comunità. Una esperienza che verrà messa a fattore comune con le città partecipanti al premio BEZZO 2018.

IMG 20180727 133407 989

PREMIO PER IL RISTORATORE 
Il ristoratore con il menu più consapevole sarà premiato con servizi personalizzati, per aumentare credibilità e visibilità con:
 

premi bezzo testimonial

PREMIO PER TUTTI I FINALISTI

A tutti i partecipanti, anche a chi ha semplicemente inviato il proprio menù degustazione, saranno lasciati in eredità i risultati derivanti dai questionari di valutazione dei punti di forza e di analisi del valore percepito. Sarà dedicato uno spazio su questo sito internet per promuovere l'impegno a mettersi in gioco. Tutti i documenti e i risultati costituiranno una pubblicazione utile a diffondere l'esperienza e le best practice raccolte. 

È possibile sostenere questa attività con donazioni per essere testimonial di un nuovo modo di fare cultura.

Vantaggi

Il Premio Bezzo 2018 è unico nel suo genere, perché:

Valorizza tanto la vincita in sé quanto il percorso necessario per poterla ottenere
È strutturato con tecniche innovative di "formazione induttiva", dando a tutti i partecipanti dei risultati concreti e sempre più importanti, man mano che realizzano gli step: strumenti di valutazione della sostenibilità del business, maggiore credibilità.

Focalizza l'attenzione sugli acquisti ragionati che creano valore
Beneficio per il consumatore, quando seduto al tavola ripone nel ristoratore tutta la sua fiducia. Vantaggio per il ristorante che impara a progettare il menù ed il servizio di ristorazione con un nuovo approccio, per rafforzare la capacità e l'attenzione a generare benessere e valorizzare il territorio.

Qualifica il ristoratore che fa vincere il suo territorio e viceversa
Verrà premiato il ristoratore più virtuoso, appartenente alla città finalista Capitale Cultura Italiana 2020 che avrà dato il patrocinio al premio. Alla data del 26 Luglio 2018 hanno aderito Agrigento, Casale Monferrato, Macerata, Parma e Piacenza, ma siamo in attesa di ulteriori conferme. Il ristoratore si impegnerà a sensibilizzare il pubblico al consumo responsabile, grazie al sistema di valutazione del valore percepito previsto dal premio.

- Distingue la soddisfazione dalla percezione del valore
Attraverso un questionario dedicato alla valutazione partecipata da parte del pubblico, il premio Bezzo porta l'analisi del rapporto esercizio/clientela ad un livello più profondo. Andando oltre la classica verifica del livello di soddisfazione (velocità, rapporto qualità-prezzo), chiederemo ai volontari di valutare la percezione del valore dell'esercizio nell'insieme, grazie all'aiuto dei criteri LICET® e la formulazione di domande semplici e mirate.

Come partecipare

COME PARTECIPARE

Potranno partecipare al Premio BEZZO tutti gli operatori della ristorazione dei 10 Comuni finalisti di Capitale Italiana della Cultura 2020, appartenenti a tutte le associazioni di categoria presenti sui territori.

Per operatore della ristorazione si intende il soggetto singolo o associato, iscritto al Registro imprese della CCIAA, operante nel settore della ristorazione e interessato a impegnarsi per la promozione della cultura del benessere sostenibile sul territorio.

Il processo di partecipazione, descritto nel Regolamento Premio Bezzo 2018 prevede di spedire la domanda di iscrizione entro il 30/09/18 inviando il seguente materiale alle mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. in questo modo:

  • compilare il Modulo di Iscrizione per presentare il menu degustazione.

    È semplice, basta selezionare i piatti dal proprio menu alla carta previsto per il prossimo periodo autunnale (nei mesi di settembre, ottobre, novembre 2018). Si tratta di: - presentare una panoramica delle proprie specialità, corredata dai prezzi dei singoli piatti, incluso l’abbinamento della bevanda consigliata (es. vino, birra, …); - indicare i dati anagrafici; - compilare una tabella dove indicare, per ogni portata: gli ingredienti, i riferimenti alle scelte di acquisto e di preparazione, il criterio di scelta tra 10 proposti e la relativa motivazione. Il prezzo totale deve essere compreso tra i 30 e 50 euro.

  • allegare 4 fotografie: 1 del ristoratore; 1 degli addetti in cucina; 1 degli addetti in sala; 1 della fotografia del locale

  • allegare la bozza di menu o almeno, la descrizione dell’impostazione grafica che si intende adottare: dimensioni, tipo di supporto, testo e colori.

I finalisti che avranno superato la fase di preselezione riceveranno entro il 30/09/18 la seconda fase della valutazione che, sulla base del menu degustazione presentato, gli permetterà di:

  • presentare il servizio con un mini-video (anche con cellulare) e la SMART LABEL LICET® come risultato di una auto-valutazione sulla base dei 38 criteri LICET®, con un questionario da inviare entro il 31/10/18. La SMART LABEL sarà inserita sul sito www.aregai.it.
  • raccogliere il valore percepito dal pubblico (clienti e pubblico on line, sui canali social), attraverso dei questionari dedicati alla clientela e sviluppati in collaborazione con il dipartimento di Culture, Politica e Società dell'Università degli Studi di Torino. Il termine ultimo di consegna dei questionari compilati è fissato per il 30/11/18.
  • essere valutati da una giuria tecnica per l’assegnazione del premio.

Date e documenti

DATE E DOCUMENTI

Scadenze:

  • Domenica 30 settembre: ultimo giorno per l'iscrizione al premio inviando il Modulo di Iscrizione, le 4 fotografie 
  • Domenica 30 settembre: inizio seconda fase di valutazione
  • Mercoledì 31 ottobre: termine consegna mini video e auto-valutazione tramite questionario che sarà inviato ai finalisti
  • Venerdì 30 novembre: termine consegna dei questionari compilati per la valutazione partecipata
  • Giovedì 13/ sabato 15 dicembre: consegna del Premio, durantel’evento nazionale AIQUAV a Firenze

Documenti di partecipazione:

Criteri di valutazione

CRITERI DI VALUTAZIONE

Il premio si basa sul sistema di valutazione partecipato del modello LICET®. Secondo tempistiche definite nel regolamento si passerà dalle fasi di:

  1. Autovalutazione della sostenibilità del menu e del servizio (attraverso la Smart Label LICET®)
  2. Valutazione del valore percepito dai clienti secondo una consultazione diretta o via web
  3. Misura tecnica degli impatti delle scelte dichiarate, attraverso la valutazione di una giuria di esperti multidisciplinari.

Il modello LICET®, sviluppato dall’associazione AREGAI, è basato sui valori di Legame con il territorio, Innovatività del servizio, Corretta Competitività, Eco-sostenibilità e Tutela della sicurezza e salute. Scopri di più!

Cos'è la Smart Label LICET®?

Quali, tra i 38 criteri LICET®, saranno più importanti per lavorare al meglio nell'ottica del Premio? 10 criteri prioritari

FAQs

Chi era il cavalier Bezzo?
Il premio voluto dal Cav. Giuseppe BEZZO prende il nome dall'ex presidente della cooperativa CRAI CODE’ del Monferrato, in prima persona seppe promuovere con forza la cooperazione di dettaglio, dando sostegno al modello LICET®  ed ai valori sui quali si fonda. Questo modello viene applicato all'interno del premio, che nasce dall’osservazione delle cucine dell’ospedale di Asti, dove il Cavaliere venne ricoverato nell’ultimo periodo della sua vita. Collaborando con le due associazioni PLEF e AIQUAV, siamo impegnati a realizzare la volontà del Cav. BEZZO, coinvolgendo, ad anni alterni, la ristorazione collettiva e quella commerciale, per diffondere una solida base valoriale su cui attivare una competizione virtuosa. Risultato fondamentale di questo percorso è l'ottenimento di benefici da parte di tutti i partecipanti, oltre al vincitore, in ottica di conoscenze e visibilità.

Quale è il ruolo delle città finaliste per il titolo Capitale Cultura Italiana 2020?

Abbiamo colto con piacere la proposta del Comune di Casale, vincitore del premio BEZZO 2017 e finalista per il titolo di Capitale Cultura Italiana 2020, di coinvolgere le altre nove città in gara. In una città già così impegnata a promuovere la cultura italiana, la proposta di ricerca sul valore percepito nella ristorazione territoriale, finanziata da CRAI, non può che essere benvenuta.
Tutti i ristoratori, a prescindere dall'appoggio della città, possono vincere il premio SILVER. I premi PLATINUM e GOLD, invece, sono dedicati ai ristoratori ubicati nelle città le quali hanno dato il loro patrocinio all'iniziativa. Il patrocinio può essere dato anche insieme alla consegna dell'elaborato finale, entro il 30 novembre.

Come sono stati selezionati i 10 criteri prioritari per i ristoratori?

Durante l'evento del 4 giugno a Casale Monferrato, un insieme di professionisti interessati al Premio si è diviso in gruppi e ha selezionato, dopo un lungo dibattito, 10 dei 38 criteri prioritari che un ristoratore dovrebbe considerare nella progettazione del proprio menù.
Al seguente link sarà possibile visualizzare e scaricare il file PDF contenente il resoconto del meeting.


 Gli organizzatori

 

Le tre associazioni, AREGAI, PLEF e AIQUAV, collaboreranno per alimentare la cultura del benessere equo e sostenibile, con un premio che ne misura gli effetti sul territorio.

 

banner web associazioni 2018

 

Quest’anno gli importanti partner tecnici su cui contiamo sono lo Studio STILLAB, l’Associazione AIFOS, l’Associazione Cuochi di Torino e l’ente di certificazione RINA, che fin da subito hanno creduto nella validità di questa iniziativa. Insieme ci aiuteranno a premiare il ristoratore che si differenzia per il maggiore impegno a migliorare la qualità della vita, adottando filiere sostenibili per menù di eccellenza.

 

banner web sponsor tecnici 2018

Un doveroso ringraziamento va fatto alla cooperativa CRAI, principale sostenitrice del premio, e La Madia Travelfood, prima rivista in Italia specializzata nel settore Food. Entrambi gli attori hanno creduto nella validità del Premio e dei valori alle sue spalle, contribuendo a tramutare le nostre idee in realtà e diffonderle attraverso un network.


          loghi Crai Lamadia

Per trasparenza durante tutto il percorso, i risultati saranno pubblicati sulla pagina delle "news" del sito AREGAI. In seconda istanza, verrà pubblicata anche una tesi universitaria, seguita dal Prof. Sergio Scamuzzi, Professore Ordinario del Dipartimento di Culture, Politica e Società. Oggetto di questa tesi sarà, al di là del concorso, la sperimentazione di un questionario per la valutazione del valore percepito. L'insieme fornirà una visione a tutto tondo dell’esperienza, testimoniando quanto fatto e rimanendo una fonte di ispirazione per i progetti futuri.


I risultati raggiunti dal PREMIO BEZZO 2017 (premio rivolto agli enti committenti di un servizio di ristorazione collettiva) sono disponibili cliccando qui.

Evento lancio Premio BEZZO 2018  -  Vai alle news per tenerti aggiornato sul percorso del premio.

ACCESSO AL GRUPPO FACEBOOK RISERVATO AI TERRITORI IN GARA
Per iscriverti manda una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. con le motivazioni per cui vuoi entrare a fare parte del gruppo.

 

banner striscia aregai

ASSOCIATI AD AREGAI

link socio

I nostri Progetti

gif animata progetti

Scopri chi usa LICET®

gif animata motore

EVENTI AREGAI

benessere1a
bezzo1a

I 5 valori LICET®

link come

Misura le tue azioni sostenibili, fai il test LICET®

TEST